Manifesto

Lo Studio Carone si è autoregolamentato per adeguarsi ai più alti standard di customer dedication. Il risultato di questo impegno sono le Inner Professional Rules.

Continua a leggere…

Area Riservata

Vai all'area riservata.

Studio Carone

La nostra soddisfazione: risolvere i problemi e prevenirli

We're a teamGarantiamo alla nostra clientela una consulenza a 360° adattando i nostri servizi in maniera flessibile alle richieste del mercato, agendo sempre esclusivamente nell’interesse dei nostri clienti, confezionando per loro delle soluzioni “su misura” e ricercando per loro sempre la soluzione più veloce, funzionale e conveniente.

Chi siamo >>

Ultimi Articoli

Comunicazione dei dati dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell'imprenditore e dei finanziamenti e capitalizzazioni effettuati dai soci o familiari dell'imprenditore nei confronti dell'impresa.

pie chart

uesto modello ha una duplice funzione: serve sia per comunicare all’Anagrafe tributaria le informazioni relative ai beni d’impresa concessi in godimento ai soci o ai familiari dell’imprenditore, sia per segnalare all’Agenzia delle Entrate i finanziamenti d’impresa o le capitalizzazioni da parte di soci o familiari che hanno un valore pari o superiore ai 3.600 euro.
Pertanto deve utilizzare questa comunicazione l’impresa che concede i beni in godimento ai soci o ai familiari dell’imprenditore oppure quella che ha ricevuto finanziamenti o capitalizzazioni pari o sopra i 3.600 euro da parte dei soci o dei familiari dell’imprenditore.

Leggi tutto l'articolo >>

Vademecum utile per la creazione e invio della fattura elettronica alla PA

pie chart

La trasmissione della fattura elettronica in formato XML alla PA è obbligatoria dal 6 giugno 2014 nei confronti delle Amministrazioni dello Stato ed è stata introdotta dalla Finanziaria 2008.
La FatturaPA ha le seguenti caratteristiche:
il contenuto è rappresentato, in un file XML
l’ autenticità dell’ origine e l’ integrità del contenuto sono garantite tramite l’ apposizione della firma digitale,
la trasmissione è vincolata alla presenza del codice identificativo univoco dell’ufficio destinatario della fattura.
Ministeri, Agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza, non possono più accettare fatture emesse o trasmesse in forma cartacea.
Dal 31 marzo 2015, tale divieto riguarderà i restanti enti nazionali e amministrazioni locali. Inoltre, a partire dai tre mesi successivi a queste date, le PA non potranno procedere al pagamento, neppure parziale, fino all’invio del documento in forma elettronica.
Il Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall’Agenzia delle Entrate è il nodo principale attraverso cui vengono acquisite, inviate e salvate le fatture elettroniche.

Leggi tutto l'articolo >>

Lavora con Noi

Voglia di fare, senso di appartenenza, grande dinamismo. Se ti riconosci in questi aggettivi invia un tuo curriculum.

Selezionamo costantemente giovani uomini e giovani donne in tutta Italia per dar loro la possibilità di esprimere le proprie potenzialità.

Voglio saperne di più!

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter. Ogni mese riceverai comodamente via email approfondimenti e pareri autorevoli in materia fiscale, legale e tributaria.

L’iscrizione è gratuita, inserisci il tuo indirizzo di posta e a partire da lunedi prossimo riceverai la newsletter.

Visita gli archivi