Skip to content

Modus Operandi

a. In primo luogo bisogna capire chi sono i soci, chi è l’amministratore unico ed il tipo di attività; quindi informarsi se sono necessarie particolari licenze.
b. Per una Srl il capitale sociale minimo è di € 10.000.
c. Chiamare il notaio per prendere un appuntamento;
d. Preparare il promemoria notaio (pdf) contenente:

  • il giorno e l’ora di stipula;
  • ragione sociale;
  • la denominazione ed eventuali abbreviazioni;
  • la sede sociale ed eventuali sedi secondarie (indirizzo, città, cap);
  • il capitale sociale e modalità di versamento (va versato almeno il 25% del capitale sociale prima dell’atto di costituzione mentre in caso di società unipersonale va versato tutto);
  • i soci (cognome, nome o denominazione, nato a, il, residente in città,via oppure sede legale, codice fiscale e partita iva, cittadinanza, celibe o coniugato e regime di separazione o comunione di beni) con valore nominale e % di partecipazione al capitale sociale;
  • l’organo amministrativo (a.u. o c.d.a con dati anagrafici dei componenti)
  • chiusura prima bilancio;
  • chi partecipa all’atto se in proprio o per delega (mediante procura notarile che dovrà essere esibita nella stipula in originale); se società mendiante verbale di assemblea soci per attribuzione poteri (dovrà essere esibito per estratto notarile il libro dei verbali soci completi in originale con tutte le firme apposte);
  • allegati (generalmente bozza statuto).

e. Preparare la bozza dello statuto (word) che rappresenta l’insieme delle regole della società in sede di costituzione viene sottoscritto solo dai soci e non dall’amministratore il quale accetta solo la carica.
f. inviare promemoria (pdf su carta intestata studio con firma digitale) e statuto (word su carta uso bollo con logo studio) al Notaio via email.

g. L’Art. 9 D.L. n. 76/2013, conv. in legge n. 99/2013 ha abolito l’obbligo del versamento in banca in favore del versamento nelle mani delle persone a cui è affidata l’amministrazione. Non è possibile fare uso degli assegni bancari, che non danno certezza né della copertura delle somme dovute, né dell’effettività dei conferimenti; si può fare uso di denaro contante ma solo fino a concorrenza di 1.000 euro; si può usare il bonifico bancario a favore di uno dei nominandi amministratori, non invece della società, che ancora formalmente non esiste.

h. Dopo la stipula notarile di costituzione, procediamo tramite Comunica alla richiesta della P.IVA che è uguale al C.F. e si invia la pratica al Notaio che procede alla comunicazione alla Camera di Commercio. Il notaio al fine di registrare la società anticipa il versamento del primo diritto camerale di euro 200.

i. Dopo che la società è iscritta il Notaio invia:

  • L’Atto costitutivo con numero di repertorio e raccolta;
  • Lo Statuto allegato con numero di repertorio e raccolta;
  • Visura di evasione nella quale risulta che la società è stata iscritta, dando efficacia di legge alla società

l. Quando si è in possesso di tutti questi documenti, l’ Amministratore va in banca con la ricevuta originale del versamento con copia di atto costitutivo, statuto e visura camerale.
m. A seguito della costituzione si potrà procedere all’apertura del conto corrente ordinario che è obbligatorio.

n. Bisogna procedere alla stampa dei libri obbligatori almeno 100 pagine cadauno e sono:
– libro collegio sindacale (se presente)
– libro verbali soci;
– libro riunioni consiglio di amministrazione (se c’è amministratore unico non si stampa);
– libro giornale;
– libro inventari.

o. Per poter vidimare i libri sociali obbligatori bisogna pagare la tassa libri di 309,87 mediante il bolletino postale (dal secondo anno si paga in F24)
p. La vidimazione dei libri la puo’ effettuare sia il Notaio sia la CCIAA.
q. Libri obbligo di vidimazione e bollatura (euro 16,00 ogni 100 pagine):
– libro verbali soci;
– libro riunioni cda (eventuale);
– libro collegio sindacale (eventuale)

r. Libri senza obbligo di vidimazione ma con obbligo di bollatura (euro 16,00 ogni 100 pagine):
– Libro inventari;
– Libro giornale;

s. Libri senza obbligo di vidimazione e senza obbligo di bollatura:
– libri iva (acquisti, vendite, corrispettivi, note di credito)
– libro cespiti
– mastrini

t. Si procede alla comunicazione alla CCIAA per l’inizio dell’attività
u. Si procede alla stampa su libro soci del versamento del 25% e le ulteriori modifiche apportate all’ assetto societario.
v. Si procede alla stampa su libro Verbali assemblea soci dell’atto costitutivo, dello statuto.
w. Si procede alla stampa su libro inventari dell’inventario di costituzione.
y. Bisogna provvedere alla registrazione delle prime scritture contabili:
– partecipazioni soci capitale sociale;
– costo tassa libri, diritto camerale;
– fattura notaio in costi di impianto (immobilizzazioni immateriali)

Categorized: Blog

Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.